venerdì 22 febbraio 2013

Il film che s'ha da fare Codevigo


di: r.

La Regione Veneto ha finanziato il film sull’eccidio di Codevigo, tra l’altro una sceneggiatura molto bella, e con un trucchetto i soliti resistenti in s.p.e. hanno fatto sparire i soldi dopo che il regista - prof. Antonello Bellucco docente del DAMS di Padova – si era già indebitato nella certezza del finanziamento.
Il film del regista Antonio Belluco – “Il Segreto” – trattava di una strage dimenticata. Evidentemente le 136 vittime di Codevigo fanno ancora paura. Possibile che i soldati della Guardia Nazionale Repubblicana, delle Brigate Nere, che i civili uccisi e talora torturati nella primavera del 1945 nei pressi del comune padovano, a guerra finita, da partigiani non possano essere ricordati neanche nell’Italia di oggi? Sembra di sì, almeno a giudicare dalle difficoltà che il regista ha incontrando nel girare una pellicola dedicata alla strage rimossa e ricordata recentemente solo da Gianpaolo Pansa. Nonostante il placet della Regione il boicottaggio si è fatto forte di una sfilza infinita di “no” e di tante porte chiuse. Perché, spiega il regista, «certi temi sono ancora tabù e io, che sono figlio di profughi istriani e ho conosciuto Toni Negri, lo so bene. Ma il mio non un film politico, si tratta solo di una storia d’amore che ha sullo sfondo quei drammatici fatti che nessuno vuole più ricordare. Sarà per questo che ci stanno rendendo la vita impossibile…».
Sta di fatto che il 10 gennaio 2011 la giunta comunale di Codevigo aveva concesso il proprio patrocinio e l’uso del logo municipale «al progetto di realizzazione di un lungometraggio attinente la storia del territorio di Codevigo». Una decisione presa in tre giorni. Infatti il richiedente, il regista Antonello Belluco, aveva protocollato la sua domanda il 7 gennaio. Neanche il tempo che si asciugasse il timbro e il comune ha detto sì: sì alla concessione del patrocinio e all’uso del logo, sì all’eventuale sostegno logistico durante le riprese, con la presenza e l’aiuto della polizia municipale e della Protezione Civile. E questo «per l’interesse culturale e storico del progetto». Questa rapida decisione avviene nei giorni in cui le bozze di un libro dello storico Lino Scalco sulla storia di Codevigo (1866-1966) sono in mano alla Commissione Cultura e sta maturando la decisione di amputare i capitoli quattro e sei. Ci si chiede incuriositi come mai il sindaco e la giunta non abbiano chiesto, nella loro preoccupazione di tutelare «l’ordine pubblico», di leggere almeno la sceneggiatura del futuro film. Ma forse la miglior garanzia, dal loro punto di vista, è che il regista sia Antonello Belluco con un discreto curriculum nel mondo della comunicazione, degli spot, dei cortometraggi e del cinema.
Lì dentro un intero capitolo è dedicato alla strage che dal 29 aprile al 15 maggio 1945 portò all’uccisione di 136 persone. Autori i partigiani della brigata garibaldina comandata da Bulow, cioè Arrigo Boldrini, e forse anche da militari della divisione Cremona, reparto ricostituito del Regio Esercito aggregato all’VIII armata britannica. E dentro a quel capitolo, Scalco aveva allegato 55 testimonianze raccolte tra superstiti e testimoni. Interviste che evidentemente, ex post hanno dato fastidio.
 
NOTA
Ci si chiede incuriositi come mai il sindaco e la giunta di Codevigo non abbiano chiesto, nella loro preoccupazione di tutelare «l’ordine pubblico», di leggere almeno la sceneggiatura del futuro film. 
Eppure la miglior garanzia, dal loro punto di vista, è che il regista sia Antonello Belluco possegga un discreto curriculum nel mondo della comunicazione, degli spot, dei cortometraggi e del cinema. 
Ci si chiede incuriositi come mai il sindaco e la giunta di Codevigo non abbiano chiesto, nella loro preoccupazione di tutelare «l’ordine pubblico», di leggere almeno la sceneggiatura del futuro film. 
Eppure la miglior garanzia, dal loro punto di vista, è che il regista sia Antonello Belluco possegga un discreto curriculum nel mondo della comunicazione, degli spot, dei cortometraggi e del cinema. 


http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=19216


===============================

13/11/2012 16:17

RAVENNA - Il regista Antonio Belluco è un padovano di 56 anni che ha lavorato in Rai dal 1983 come programmista e regista per Radio 2 e Rai 3, prima a Venezia e poi a Roma. E oggi ha un progetto cinematografico che, qualcuno - a suo dire - tenta di osteggiare: “Ho pronto un film - ‘Il Segreto’ - sull’eccidio di Codevigo, la più sanguinosa strage mai commessa nel dopoguerra dai partigiani. Un lavoro rigoroso, assemblato dopo un’accuratissima ricerca storiografica, ma dopo i primi ciak, all’improvviso tutti - dagli sponsor al produttore - si sono tirati indietro. Un dietrofront inatteso e sospetto, che mi fa pensare ad un ‘complotto’, come se qualcuno cercasse di sabotare un’opera che, forse, racconta verità storiche troppo scomode”. Le verità abrasive di una delle pagine più nere della storia italiana, una pagina ancora avvolta da tanti misteri.
Nessuno, ad esempio, ancora oggi è in grado di dire, con esattezza, quante persone morirono realmente in quella mattanza: c’è chi parla di 136 vittime, chi di 168 e chi di 365, come i giorni di quell’atroce 1945. Un documento dell’arcidiocesi di Ravenna-Cervia ipotizza addirittura 900 morti.
Don Umberto Zavattiero, a quel tempo prevosto di Codevigo, annota nel chronicon parrocchiale: “30 aprile. Previo giudizio sommario fu uccisa la maestra Corinna Doardo. Nella prima quindicina di maggio vi fu nelle ore notturne una strage di fascisti importati da fuori, particolarmente da Ravenna. Vi furono circa 130 morti”.
Ebbene, de “Il Segreto”, Belluco gira un quarto d’ora dei 105 minuti previsti dal copione, poi il progetto s’incaglia in una sequela di sventure che - a suo dire - sarebbero figlie di un unico disegno: il produttore rinuncia, i contributi ministeriali e regionali vanno in fumo, le banche ritirano i finanziamenti, i collezionisti che avevano messo a disposizione materiale bellico e costumi d’epoca si defilano, la cantante Antonella Ruggiero, dopo aver dato in un primo momento la sua disponibilità, si rifiuta d’interpretare il tema musicale, gli avvocati inviano diffide.
Le ragioni? “Ci sono state forti pressioni dall’Anpi e dai partiti di sinistra - è la sua idea - molto semplicemente, non vogliono che esca questo film”. Eppure Belluco - a suo dire - non voleva ricavarne “un’opera ideologica” o un “film processuale”, anche se così ripercorre, sulle colonne de Il Giornale, alcuni episodi salienti di quegli anni: “La 28ª Brigata Garibaldi ‘Mario Gordini’ arrivò a Codevigo il 29 aprile 1945 agli ordini di Arrigo Boldrini, detto Bulow, inquadrata nell’VIII Armata angloamericana del generale Richard McCreery. Vestiva divise inglesi, col basco fregiato di coccarda tricolore. All’epoca Bulow aveva 30 anni. L’ex parlamentare Serena nel libro ‘I giorni di Caino’ scrive che Boldrini era un comunista con alle spalle un passato di capomanipolo nell’81º Battaglione ‘Camicie nere’ di Ravenna, sua città natale. Finita la guerra, sarà deputato del Pci per sei legislature, vicepresidente della Camera e presidente dell’Anpi, l’Associazione nazionale partigiani d’Italia. Decorato dagli inglesi con medaglia d’oro al valor militare. Ma nel mio film di Bulow non parlo. Il comandante brigatista ha un nome di battaglia diverso: ‘Ramon’. Boldrini-Bulow s’è sempre difeso sostenendo che in quei giorni si muoveva fra Padova, Bologna, Milano, Venezia e Adria e mai ordinò le brutali uccisioni. Fatto sta - sostiene Belucco - che i partigiani venuti da Ravenna rastrellarono un po’ in tutto il Veneto appartenenti alle disciolte formazioni della Repubblica sociale italiana e li portarono a Codevigo. Il bilancio dei processi sommari non si discosta molto da quello dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Solo che qui non ci sono un Herbert Kappler e un Erich Priebke...”.
In ogni caso, con le luci del set già accese, il film improvvisamente si blocca e Belluco grida al complotto. Colpa - è sempre la sua idea - delle tematiche politicamente scabrose: “Le stesse - svela - che hanno indotto l’avvocato Emilio Ricci, patrocinante in Cassazione con studio a Roma, a inviarmi una raccomandata con ricevuta di ritorno in cui mi notifica che il suo assistito, Carlo Boldrini, figlio ed erede di Arrigo Boldrini, venuto a conoscenza della mia intenzione di ‘girare un film sulle tragiche vicende relative alle stragi accadute a Codevigo nella primavera del 1945, ha evidente interesse a conoscere i contenuti della trama e dell’opera, in considerazione della complessità degli accadimenti di quel periodo e delle diverse interpretazioni-storico politiche che si sono susseguite’. Motivo per cui pretendeva - prosegue il regista - una copia della sceneggiatura. L’invito perentorio mi è stato rinnovato dopo cinque mesi con una seconda raccomandata, identica alla prima. Ovviamente non gli ho spedito nulla. Del resto, non comprendo proprio da quale timore sia mosso il figlio di Boldrini, visto che nel mio film la figura del comandante Bulow, suo padre, non compare proprio”.
Belluco non si definisce un “fascista” e neppure “uno di destra”... “Sono solo un cattolico - dice - che crede nella dottrina sociale della Chiesa, nella difesa degli ultimi”.


Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento